castello

castello
Castelli di Cannero Riviera

sabato 13 aprile 2013

Le cinque dita della donna


Smunta il presente e diventa passato
piccola bimba graziosa tu nasci
dolcezza e beltà natura ti ha dato.
Stagione lasci.
 
Ragazzina cresci allegra e vivace
di dolci schiamazzi il mondo ora riempi
poi muta il corpo e diventi procace.
Cambiano i tempi.
 
Assume il tuo corpo dolci sembianze
da delicato bocciolo fuoriesci
nel portamento hai estreme eleganze.
Ancora cresci.
 
Donna matura di ricca passione
formi famiglia con gran dedizione
nuove creature dispensa l'unione.
Altra stazione.
 
Piccole rughe e bianchi capelli
sono i segnali che scorre la vita
ho raccontato i tuoi aspetti più belli
su cinque dita.
 
verdefronda

12 commenti:

  1. Non è da tutti riuscire ad evocare emozioni nei colori della poesia.
    Complimenti e buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Grazie le tue parole mi commuovono.
    Elefantest89 verrò presto a trovarti
    Un caro saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
  3. Ciao Giorgio
    buona domenica
    molto belle i tuoi versi
    sono ali di amore
    ed emozionano.
    Un abbraccio
    un sorriso
    Chiara
    Grazie per le tue belle parole da me

    RispondiElimina
  4. questa poesia si legge tutta d'un fiato..
    è un climax di emozioni come le varie fasi d'esperienza della donna descritte..
    culminate in un finale entusiasmante e quasi dallo spirito fanciullesco..


    se vuoi passa da me

    RispondiElimina
  5. Una splendida composizione dal grande significato.
    Un forte abbraccio per te per augurarti una splendida settimana!

    RispondiElimina
  6. Sei un pittore ritrattista e poeta della Donna in tutto il percorso della sua vita.
    Sei speciale, Giogio
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. La tua poesia è stupenda, racconti le stagioni della vita della donna con tenerezza che emoziona. Hai il dono raro della dolcezza quando scrivi le tue poesie.
    Buona serata :)

    RispondiElimina
  8. Giorgio caro, che bella poesia!!!!! Hai saputo raccontare il percorso della vita di una donna paragonandolo alle dita della mano. Sei fortissimo.. Ti mando un abbraccio con la mia amicizia. Bruna. ciaooooooo

    RispondiElimina
  9. Si contano sulle dita di una mano le stupende evoluzioni di una donna, impalpabile e delicata.
    Ciao Giorgio, buon fine settimana di sole*

    RispondiElimina
  10. Con un amichevole abbraccio caro Giorgio, ti auguro un felice week-end. Bruna ... ciaooooooooooooo

    RispondiElimina
  11. E' bellssima, ogni volta che leggo le poesia sulla donna, mi viene da piangere, penso spesso alla mia nonna che non c'è più, la sua vita da giovane non l'ho vista ma la sua vita da anziana l'ho vissuta giorno per giorno...Questa poesia ho pensato di scrivermela ed unirla insieme alle altre che mia nonna mi diceva!

    RispondiElimina
  12. Stupenda la foto dei Castelli di Cannero, anche il nostro Nord Piemonte ha i suoi "gioielli"!

    RispondiElimina